Si Salviamo l'Italia
Ultime News
Comunicato stampa di Massimo Colomban, già assessore in Roma Capitale
Premetto di avere rifiutato interviste durante l’anno – 2016/2017-...
2017>2018, appello ai Governanti per far crescere l’economia, il lavoro e il benessere dei cittadini
Siamo oramai nel 2017, sono passati 5 anni da...
Perchè le banche falliscono?
Di chi le colpe? E quello che governanti, autorità e...
Ai GOVERNANTI! Dai Produttori un allarme e PROPOSTE per far ripartire l’economia!
Se non FATE RIPARTIRE “SUBITO” L’ECONOMIA del Paese i...
2016: le nuove occupazioni e imprese, l’evoluzione in corso
Il 2016, vedrà l’evoluzione e le applicazioni legate all’Intelligenza...
Le proposte della ReteSI – SI Salviamo l’Italia finale 2015
NOVEMBRE 2015 – Caro Renzi, purtroppo l’economia cresce molto meno del...
The Cameron way
THE CAMERON WAY – Riceviamo e pubblichiamo da Eugenio Benetazzo Se ci...
Caro Renzi, vai con più coraggio! Servono più fatti e decisioni… il Paese sta morendo!
Impariamo dai migliori: USA, Regno Unito, Japan che hanno...
Al Primo Ministro Renzi: “Avanti tutta! E senza più indugi”
Basta con i giochi demenziali della finanza germano diretta,...
Governanti incapaci o in malafede?
Molti dei governanti degli ultimi 8 anni sono incapaci...
Prima Serata – Consorzio Reti NordEst – 4 feb 2015
IL VENETO E LA CRISI, COME E DOVE TROVARE...
LAVORATORI e IMPRESE: GUAI A NON LAVORARE INSIEME
Appello al Presidente della Repubblica e al Presidente del...
Imprese Italiane: qualche speranza dall’estero, pochi segnali dai governanti
I presupposti per una ripresa trainata dall’estero – l’euro...
Messaggio alla Nazione, ai governanti e alle classi dirigenti del Paese
Un centinaio di persone capaci, soprattutto imprenditori, che hanno...
Stanno uccidendo e dissanguando l’impresa!
Con un 2014 che è appena finito tragicamente per...
Il voto degli italiani? L’astensione
Astensione al 62,5%: mai era successo prima d’oggi in...
Quale giustizia?
Fa discutere in Italia, in queste ore, la sentenza...
Dopo Napolitano?
Indiscrezioni, nessuna conferma, nè smentita: in queste ore si...
Renzi fai presto perchè il Paese sta morendo!
MIKE RANN, ex premier australiano oggi ambasciatore a Roma, presentando...
Spese pazze a Roma e Bruxelles: è ora di darci un taglio
I gerarchi europei contestano a Roma i mancati tagli...
Ancora disinformazione pagata anche con i soldi delle nostre tasse
Come potete leggere in uno dei nostri slogan, spesso taciuto...
Le proposte Rete SI per valorizzare imprese e lavoro
Scarica il Manifesto del Lavoro Rete SI
Italia bollita
L’Italia è in svendita? Diventerà uno stato cuscinetto usato...
Colomban intervistato da Le Temps
Il giornale svizzero Le Temps ha intervistato uno dei portavoce...
Correntisti truffati?
Il manager pentito: “Così la banca vi frega” Ma...
Gli imprenditori in parlamento chiedono fatti
Gli imprenditori parlamentari ed europarlamentari chiedono fatti all’Unione Europea,...
2 ottobre, a Milano convegno sul tema “Internalizzazione delle PMI”
Organizzato da AISOM, si tiene giovedì 2 ottobre il...
Appello a Renzi: “Ascolta le proposte di Rete SI”
SI Salviamo l’Italia è in grado di riorganizzare, da subito,...
La crisi infinita
di Eugenio Benetazzo Esce in questi giorni il mio nuovo...
Le aziende muoiono di fisco: intervento di David Borrelli (M5S) al parlamento europeo
Video dell’intervento dell’europarlamentare David Borrelli (M5S) in commissione industria...
Ucraina: la guerra europea degli idioti pericolosi
Le menti geostrategiche di USA e UE avevano già...
Lavoro, sviluppo e sinergie territoriali
Lunedì 5 maggio 2014 si è tenuto a Trezzano...
Caos fiscale senza fine
Si è appena conclusa la fase critica e pazzesca...
Noi drogati di banca, in piena crisi di astinenza, dobbiamo disintossicarci!
di Aladino Lorin, presidente dell’associazione SOS Economia Italia – Rete SI  ...
Un’università italiana competitiva per il mercato globale
Il nuovo libro di Francesca Fantetti che fa parte del...
14 giugno, “Autodeterminazione: la via istituzionale per l’indipendenza del Veneto”
Appuntamento a CastelBrando di Cison di Valmarino sabato 14...
16 giugno, a Bologna “Strozzati dalle tasse: la politica è immobile”
Strozzati dal fisco, angosciati dall’ennesima scadenza di rate dietro...
La via della libertà
Questa è la via da intraprendere, ben teorizzata in...
Scandalo Mose: “Nuova tangentopoli”
Intervista ad Aladino Lorin presidente di SOS Economia Italia...
Recupero Iva sulle insolvenze, l’Europa fa sperare le PMI
Una nuova prospettiva per il recupero dell’Iva sui mancati...
Tasi e… paga!
FISCO NEL CAOS E RISCHIO PAGAMENTI SULLA TASI. INGORGO...
Dalla Community del Club Ambrosetti le dieci proposte per far crescere l’Italia attraverso l’innovazione
Cison di Valmarino (TV), 24 maggio – Si è...
22 maggio, Il lavoro dimenticato
Incontro a Pordenone, presso i PNBOX studios (Rete SI),...
Varano (Rete SI) responsabile nazionale del Tribunale Dreyfus
Il commercialista Salvatore Varano, presidente di AVE Associazione Vittime...
21 maggio, strategie per il futuro delle PMI del Nord Est
17 maggio, Banche ed Equitalia la rovina dell’Italia?!
Confedercontribuenti – coordinamento regionale Veneto (Rete SI) organizza sabato...
15 maggio, Contratti di rete: nuova opportunità
La crisi c’è ed è tutta lì, da toccare,...
TG3 Linea Notte – 1 mag 2014
Arturo Artom (portavoce della Rete SI) ospite giovedì 1°...
12 maggio, Bolkestein e demanio pubblico
Incontro – confronto organizzato dal Movimento 5 Stelle e...
Rassegna stampa Rete SI
Ultimi articoli pubblicati vedi
30 aprile, Arturo Artom a TG3 Linea Notte
Arturo Artom, portavoce della Rete SI, sarà ospite mercoledì...
State bonus se potete – Agorà – 22 apr 2014
Arturo Artom, portavoce Rete SI, è stato ospite di...
Non pagare l’Iva per colpa della crisi: non è reato!
GRANDE VITTORIA DELL’OSSERVATORIO DEL CITTADINO-CONTRIBUENTE E DEL SUO PRESIDENTE NICOLA...
Azienda controllata dall’Inail: “Tutto ok, ma deve pagare la visita”
Fatto: Un’azienda riceve una verifica a campione da parte...
Basta falsità: imprenditori e lavoratori vogliono la verità!
Rete SI, che rappresenta 1,5 milioni di imprese in...
L’appello di un imprenditore dalla cupola di San Pietro
Per alcuni giorni Marcello Di Finizio è stato in...
Brutti scherzi alle imprese – Radio 24 – 1 apr 2014
“Brutti scherzi alle imprese”: è il titolo della puntata...
Aumentiamo gli stipendi, abbassiamo le tasse – TV7 – 31 mar 2014
Alcuni video che raccontano l’incontro della RETE SI del...
Strozzati dalle tasse – La Gabbia (La7) – 30 mar 2014
Le telecamere di La Gabbia (LA7) all’incontro organizzato da...
2 aprile, Rete SI a Focus (Rete Veneta)
Come salvare l’Italia e il Veneto? Se ne parlerà...
31 marzo, Colomban a Piazza Pulita
Massimo Colomban, portavoce della Rete SI, lunedì 31 marzo...
Senza imprese il fallimento – Coffee Break (LA7) – 18 mar 2014
Massimo Colomban, portavoce della RETE SI, è intervenuto a...
L’Italia è allo sfascio
La secessione delle regioni – ha già iniziato il...
Da aprile strage di Pmi: Durc retroattivo
Allarme rilanciato dal Blog di Beppe Grillo vedi Il...
Abbassiamo le tasse e umanizziamo Equitalia
Nel 2013 sono stati 149 i suicidi legati a...
Colomban al ministro Poletti: “Senza imprese e lavoratori lo Stato fallirà”
La Rete SI, ospite con Massimo Colomban a Coffee...
18 marzo, Colomban a Coffee Break su LA7
Massimo Colomban, fondatore di ConfAPRI e portavoce della Rete...
Giù il cuneo fiscale – Mattino Cinque (Canale 5) – 26 feb 2014
Alfredo Belluco, presidente di Confedercontribuenti Veneto – Rete SI,...
Riformare per crescere: successo per il convegno promosso da Sosesi
“Riformare per Crescere”: tempo di bilanci per il 1°...
Sosesi partecipa a ZeroMimose
SOSESI sabato 8 marzo 2014 sarà presente, con rappresentanti...
Il governo dichiara guerra alle imprese
“L’INPS, in attuazione delle norme sul DURC del Governo...
Da aprile l’80% delle imprese che necessitano di DURC chiuderanno
“Da aprile l’80% delle imprese che necessitano di DURC...
Confedercontribuenti denuncia banca che pratica tassi d’interesse fino al 429%
Si è svolta questa mattina, sabato 1 marzo, a...
1 marzo, usura e banche: la denuncia di Confedercontribuenti
Papa Francesco: “Quando una famiglia non ha da mangiare,...
28 febbraio, “Come dimezzare le tasse” – incontro Associazione Privilegi Zero
Il 28 febbraio 2014, dalle 17.00, si svolgerà presso...
26 febbraio, Belluco a Mattino 5
Questa mattina, 26 febbraio, alle 9 in diretta da...
Caro Matteo, fai presto!
Al nostro primo ministro Matteo Renzi: quello che hai...
A Roma in 60 mila per reagire
Le prossime manifestazioni saranno più incalzanti e dal 28...
Un imprenditore si impicca, 1.137 hanno meditato il gesto
E’ una vera e propria emergenza, ormai diventata incontrollabile....
La rivolta del NordEst – La Gabbia (La7) – 12 feb 2014
La troupe de La Gabbia all’incontro di sabato 8...
Salviamo le imprese – TG TelePordenone – 8 feb 2014
Servizio dedicato alla manifestazione della Rete SI a Pordenone:...
Insieme per salvare le imprese italiane – Pordenone – 8 feb 2014
Manifestazione della Rete SI Video integrale:
14 febbraio, Ramundo a “Voce della gente”
Questa sera, 14 febbraio, Nicola Ramundo presidente dell’Osservatorio del...
Il mondo ci osserva, stupito: dobbiamo reagire!
Usciamo da questa miseria! E SUBITO!!! Ai prossimi governanti...
18 febbraio, mobilitazione generale delle imprese: facciamoci sentire!
25 associazioni d’impresa, facenti capo alla Rete SI Salviamo...
Parlano i veneti schiacciati dalla crisi : Colomban a Focus (Rete Veneta) – 6 feb 2014
Massimo Colomban, portavoce della RETE SI, ospite di “Focus”...
24 febbraio, a Bologna per chiedere trasparenza a Equitalia
Un presidio, davanti alla sede di Equitalia a Bologna,...
Insieme per salvare le imprese italiane
Si è tenuta a Pordenone, sabato 8 febbraio, la...
Insieme per salvare l’Electrolux e l’economia – A3 News – 8 feb 2014
PORDENONE – Insieme per salvare l’Electrolux. Prende forma il...
Mai più martiri del fisco
Si terrà a Bologna venerdì 28 marzo, su iniziativa del Movimento...
Accordo di 350mln per imprese e giovani
Con il perfezionamento della linea di credito destinata a...
Il potere delle banche sulla politica
L’indebolimento dello Stato Italiano negli ultimi vent’anni sta facendo...
Come aiutare le piccole imprese: Artom a Uno Mattina (Rai1) – 3 feb 2014
Arturo Artom (portavoce RETE SI) ospite di Uno Mattina (Rai1)...
Ladroni liberi, venetisti in galera – Focus – 2 apr 2014
Massimo Colomban, imprenditore e portavoce Rete SI, ospite di...
8 febbraio, Electrolux: è ora di riscossa. “Salviamo l’Italia” scende in campo
RETE SI SALVIAMO L’ITALIA, attraverso alcuni dei suoi fondatori...
Electrolux: è ora di riscossa. “Salviamo l’Italia” scende in campo
L’appuntamento è sabato 8 febbraio alle 15,30 a Pordenone in...
22 febbraio, a Cuneo “Riformare per crescere”
Sabato 22 febbraio, a partire dalle 14,30, si terrà...
Colomban sul caso Electrolux: «La nostra economia dritta verso il fallimento. 10 mila disoccupati costeranno allo Stato 276 milioni di euro all’anno»
La Rete SI chiede al Governo l’applicazione di alcune...
3 febbraio, Artom a Uno Mattina
Arturo Artom, portavoce della RETE SI, sarà ospite lunedì...
Privatizzazioni, quale strada per l’Italia?
Dismissioni e privatizzazioni, uno scandalo che si ripete? Un...
Tasse, il Drappo Bianco dice basta!
Si terrà domenica 26 gennaio, a Como, la nuova...
Class action contro mini-Imu e Tares
La mini IMU e la TARES stanno mettendo in...
Scacco alla crisi, in tre mosse
La Rete SI ha lanciato oggi, 22 gennaio, un documento,...
La Rete SI è apartitica e super partes
La Rete SI Salviamo l’Italia è apartitica e super...
20 gennaio, Artom a Class TV
Questa sera, lunedì 20 gennaio 2014, Arturo Artom, fondatore...
Taglio degli stipendi per far uscire il Paese dalla crisi? Assurdo!
Le associazioni sindacali (degli imprenditori e dei lavoratori) pensano...
Europa, euro & sovranità monetaria: la posizione della Rete SI
Risaniamo il Paese e, contestualmente, ci sia un rilancio...
Gottarelli al 67° anniversario di fondazione del PSDI
Sabato 11 gennaio si sono tenuti presso Sala del...
Esenzione fiscale totale – Agorà – 11 apr 2014
Massimo Colomban e William Beozzo, portavoce della Rete SI,...
Pensioni d’oro, finalmente il governo discute
Pensioni d’oro: la casta, PD, SEL, NcD, FI, mostra...
TeleCamere – Rai3 – 5 gennaio 2014
Come possono i cittadini italiani difendersi dalla crisi ed...
Gli imprenditori non devono fare politica
Secondo Duilio Paolino (in foto), imprenditore e vicepresidente di...
20 anni di parole, parole e parole: ora aspettiamo i fatti
Invitiamo Confindustria, molti di noi sono associati e pagano...
18 gennaio, Manifestazione Nazionale Confedercontribuenti a Rovigo
La Confedercontribuenti – RETE SI il 18 gennaio organizza a...
La Rete SI sa resistere a caste e mafie
La Rete SI sottolinea, come hanno già evidenziato enti...
È arrivato il momento di agire! Se non ora, quando?
Abbiamo prima votato, e poi tollerato, dei rappresentanti che...
IX Forum Nazionale dei Mediatori
Il IX Forum Nazionale dei Mediatori si terrà mercoledì 22 gennaio 2014 dalle 9...
Sovraindebitamento e abusi bancari
Confedercontribuenti organizza un convegno sul tema “Sovraindebitamento e abusi...
Redditi e costo della vita a confronto in alcuni paesi europei
Italia e Germania a confronto: noi italiani paghiamo il...
Il 2014 sia un anno di rinascita per l’Italia
Buon Anno Nuovo, Il 2013 finisce. Un anno difficile...
Perchè dobbiamo cambiare il nostro Paese?
Che sia ormai indispensabile che l’Italia pensi a una...
Tre parlamentari hanno tradito l’impegno anti tax
All’inizio del 2013 il movimento Tea Party italiano e...
Assente la consapevolezza dell’utilità della cultura-civiltà
Non ci si rende conto della necessità ideativa e...
Dal 9 dicembre 2013 l’Italia si è svegliata
Dal 9 dicembre 2013 l’Italia si è svegliata, ci...
Nasce la Carta di CastelBrando
La marcia degli imprenditori veneti a Piazza Pulita – LA7 – 28 ottobre 2013
La marcia degli imprenditori veneti raccontata da Laura Bonasera...
Ballarò 5 novembre 2013
Dominick Salvatore, economista statunitense con origini italiane, è stato...
TV7 Con Voi – TV7 Triveneto – 5 novembre 2013
A TV7 con Voi del 5 novembre 2013 ospite...
La Gabbia – LA7 – 13 novembre 2013
ConfAPRI, con il suo portavoce Massimo Colomban, ospite di...
Coffee Break – LA7 – 14 novembre 2013
William Beozzo, portavoce ConfAPRI e vicepresidente Apindustria Vicenza, ospite...
Drappo Bianco a Servizio Pubblico – LA7 – 21 novembre 2013
Giulia Innocenzi, giornalista di Servizio Pubblico, con i lavoratori...
Virus – Rai2 – 22 novembre 2013
Sandro Venzo imprenditore vicentino della rete ConfAPRI, ospite il 22 novembre...
Agorà – Rai3 – 17 dicembre 2013
Arturo Artom, portavoce ConfAPRI, martedì 17 dicembre è stato...
Incontro Maggio 2014
Il 1° maggio 2014 la Prima Vera giornata dei...
Incontri Marzo 2014
Entro la Primavera (possibili date 15 o 28 marzo...
Ricorsi alla Corte Costituzionale
Nei prossimi mesi verranno depositati i ricorsi alla Corte...
incontri nel Nordest
La “Rete SI” organizzerà nei prossimi mesi incontri nel...
Una scossa al Paese senza perdere altro tempo
Grandi economisti e giornali nazionali autorevoli riprendono e propongono le ricette...
Resistere è davvero un’impresa. Disperata
“Avvisiamo la gentile clientela che oggi il bancomat di...
Nasce la “Carta di CastelBrando”
Nasce la “Carta di CastelBrando”, un documento che racchiude...
Sciopero forconi: Gottarelli, Milu: “Solidarietà al Movimento anti-Equitalia”
“Siamo sudditi inermi di uno Stato che pretende il...

SI Salviamo l’Italia è in grado di riorganizzare, da subito, il bilancio dello Stato recuperando 300 miliardi all’anno.

Massimo Colomban, uno dei nostri fondatori della Rete SI, è chiaro: “Uscire dalla crisi si può e subito, in pochi mesi e non in 3 anni (1.000 giorni)! L’Italia è un malato grave che va curato immediatamente senza altri tentennamenti. Stiamo sussidiando in modo indegno un’immigrazione selvaggia e mortale, foriera solo di problemi per la popolazione, lasciando nel contempo milioni di cittadini alla fame.

Senza imprese non c’è occupazione, non c’è lavoro, non ci sono prodotti da esportare nè entrate per Stato e socialità.

Rete SI si impegna ad affiancare i nostri governanti da subito, se serve, per recuperare oltre 300 miliardi all’anno al bilancio del nostro Stato, 300 miliardi che risolverebbero in 1-3 anni tutti i nostri problemi!

Tagliare le tasse alle imprese, al lavoro e ai cittadini, aumentando la circolazione di moneta e quindi di reddito per i cittadini: se occorre anche uscendo dall’euro, prima che la BCE continui con questa politica mortale capace di ridurci all’impotenza e alla distruzione industriale.

Serve una legge drastica contro la corruzione, il taglio dei privilegi assurdi, delle super-pensioni, dei super-stipendi, degli sprechi vergognosi e delle liquidazioni da nababbi che sono la vergogna di fronte al mondo!

Questa è la lucida analisi, schietta, tagliente – chiude Colomban – fatta da chi ha generato e lanciato oltre 40 società nel mondo e che ha anche ristrutturato con successo due aziende pubbliche che erano in grave dissesto, senza mai licenziare personale!”

 

Da ILNORDESTQUOTIDIANO.ITCrisi dell’Italia: le ricette per uscirne di Massimo Colomban

ReteSi propone un decalogo da realizzare e applicare in solo 365 giorni, all’insegna della semplificazione, del taglio della burocrazia, della valorizzazione del merito e dell’intrapresa, oltre che del taglio netto della tassazione su famiglie e imprese.

Per uscire dalla crisi e far ripartire l’economia, il lavoro e reddito dei cittadini non servono 1.000 giorni, ma pochi mesi, massimo un anno. In caso contrario, per un malato grave come l’Italia si rischia il trapasso finale. In quest’arco di tempo ridotto, la ricetta per la cura si basa su salutari, democratiche ed immediate misure intelligenti stilata dall’associazione ReteSi, che raggruppa un centinaio di liberi pensatori ed imprenditori impegnati per risollevare le sorti del paese. Le presenta in questa intervista che abbiamo organizzato Massimo Colomban, imprenditore trevigiano e fondatore di Permasteelisa, che è tra le “anime” dell’associazione.

Chi è Massimo Colomban?

E’ un imprenditore che ha creato e guidato per 30 anni il gruppo Permasteelisa, il più grande e prestigioso gruppo al mondo nelle architetture monumentali (5.000 dipendenti, 40 aziende in 4 continenti, oltre 1 miliardo di euro di fatturato); ha poi ristrutturato ed aperto al pubblico CastelBrando, il più antico e fra i più grandi castelli europei (con oltre 200.000 visitatori all’anno); fa il tutor per le start-up e per il risanamento delle aziende, oltre ad essere un investitore nel campo immobiliare con QuaternarioInvestimenti.it. Da due anni partecipa, come co-fondatore assieme ad altri 100 esperti ed imprenditori alla ReteSI.org che rappresenta 25 associazioni, oltre 1,5 milioni di imprese e 5 milioni di lavoratori per fare.

Cosa si può fare per uscire dalla crisi e fare ripartire l’economia italiana?

L’Italia, che io ho lasciato negli anni ’70-’80, per sviluppare come imprenditore (emigrato) Permasteelisa è peggiorata, e di molto! Io ho dovuto emigrare per poter lavorare e sviluppare l’impresa in libertà e democrazia, senza dover soggiacere a scandali e pastette come si è visto anche recentemente con gli appalti dell’Expò a Milano o con il Mose in Veneto. Casi emersi che sono solo una millesima parte di quello che avviene e che tutti supinamente accettano, associazioni imprenditoriali e sindacali comprese. In 30 anni di grandi lavori nel mondo, salvo in qualche Paese sottosviluppato, io non ho mai avuto richieste di tangenti!

Mi sembra di capire che se avesse operato in Italia non avrebbe creato la Permasteelisa come la si conosce oggi?

Senza libera concorrenza, in presenza di corruzione, intrallazzi o peggio mafie ed associazioni a delinquere non ci può essere uno sano sviluppo; l’esempio sono alcuni stati sudamericani, dove regna l’intrallazzo sono gli intrallazzatori ad operare, i talenti ed i migliori emigrano (si veda il Venezuela e tanti altri stati degradati e diventati poveri fra corruzione e malgoverno nonostante la ricchezza di risorse naturali di cui dispongono): l’Italia, se non si rinnova velocemente, finirà altrettanto miseramente.

Lei, al culmine della sua carriera ha donato una importante fetta delle sue partecipazioni ad 83 manager (diventati poi gli azionisti del gruppo Permasteelisa) ed ha investito i frutti del suo successo internazionale in Italia: quindi ha creduto e crede ancora in nell’Italia?

Io risiedevo all’estero, ma avevo tanti familiari e le radici in Italia, alla quale sono umanamente legato ed affezionato. Pur avendo creato il 99% del mio patrimonio all’estero, circa 10 anni fa ho voluto credere il quello che considero il mio Paese, tornando a risiedere in Italia con capitali al seguito. Una decisione che, forse, ho sbagliato poiché ora vengo dilapidato da tasse esagerate che stanno anno dopo anno assottigliando il patrimonio che avevo tenuto per la mia pensione (visto che alla pensione dell’INPS ho rinunciato). Constato amaramente che l’Italia non fa differenza fra il patrimonio di chi, come me, lo ha costruito in oltre 50 anni di duro lavoro, costruendo ricchezza per sé e gli altri, e quelli che il patrimonio non si capisce come lo abbiano accumulato o, peggio, creato dall’oggi al domani tramite speculazioni, intrallazzi o giochi finanziari. Credo che si stia tradendo lo spirito genuino della nostra Costituzione, che prevede nel primo articolo il lavoro e la democrazia popolare come fondamenta del nostro Stato.

Di troppe tasse una nazione può morire?

In Italia il lavoro è tassato mediamente dal 20 al 30% in più rispetto ai 34 paesi dell’OCSE, senza parlare di quello che grava sull’impresa che, grazie ad una cultura ostile all’impresa ed all’intraprendere, la vede tassata fino al 300-400% in più, ben 3-4 volte di più, rispetto ai paesi dell’OCSE (la tassazione media dell’impresa nel 2013, fonte “The US Corporate Effective Tax Rate” rapporto Febbraio 2014 precisa che la tassazione nelle imprese è del 19,6% nei 34 paesi OCSE, del 24,5% nel G20; del 27,6 nel G7 mentre in Italia la pressione fiscale va dal 45% con punte fino ad oltre il 70% nelle imprese che impiegano manodopera o utilizzano fidi bancari i cui interessi non sono deducibili, grazie ad una demenziale tassa, l’IRAP, che il governo deve togliere il prima possibile se vuole dare fiato e speranza alle imprese e, di conseguenza, alla ripresa e all’occupazione.

Secondo lei, quale dovrebbe essere il ruolo dell’Impresa in uno stato moderno?

L’impresa in tutti gli stati liberi e democratici è quello che si definisce il tesoro della nazione, perché crea occupazione, reddito ed avvenire ai lavoratori e proprie famiglie. E’ grazie all’impresa e alla ricchezza creata che lo Stato produce Pil che viene tassato producendo le tasse con cui si sostengono i servizi e la struttura pubblica (quello autentico, non quello “lurido” con i proventi delle attività criminali di questi giorni, buono solo per gettare fumo negli occhi). Faccio un esempio: ogni lavoratore occupato produce in media 30.000 euro/anno di entrate per lo Stato; un disoccupato costa allo Stato 10.000 euro/anno: se la disoccupazione cresce, la differenza sono 40.000 euro/anno di mancate entrate per lo Stato; se solo il 50% di coloro che cercano lavoro, parliamo di oltre 3 milioni di persone, lavorassero, produrrebbero allo stato 120 miliardi di euro all’anno di maggiori entrate; si aggiunga che ogni lavoratore in più produce mediamente 70.000 euro/anno di maggiore Pil, che sono 210 miliardi di euro all’anno sui quali lo Stato ricava l’Iva e quindi ulteriori 40 miliardi di euro all’anno di maggiori entrate, che sommate a quelle dei lavoratori (120+40) produrrebbero 160 miliardi di euro all’anno di maggiori entrate per lo Stato. Se a queste si aggiungessero altre misure indispensabili, quali costi standard, taglio dei parassitismi, sprechi, caste e privilegi assurdi (che ReteSi ha ben dettagliato su proprio sito WWW.RETESI.ORG ) si potrebbe giungere ad un risparmio molto consistente di almeno il 20% sugli attuali 800 miliardi di euro all’anno di spesa: sarebbero ulteriori 160 miliardi di euro all’anno che sommati ai 160 miliardi di euro all’anno generati da un tessuto imprenditoriale libero, democratico e competitivo, genererebbe circa 320 miliardi di euro all’anno da destinare ad investimenti, ai servizi, alla riduzione dell’immane debito pubblico senza ricorrere a nuove, penalizzanti tassazioni.

Su quali basi lei pensa che la spesa pubblica sia contenibile del 20%?

Recentemente ho ristrutturato e risanato due aziende pubbliche (il parco scientifico e tecnologico VEGA di Mestre e Sviluppo Italia Veneto) risparmiando il 20% sulla manodopera, semplicemente tagliando le consulenze non indispensabili, senza quindi licenziare nessuno. Ed ho risparmiato il 40% in tutti i costi dei servizi semplicemente rilanciando tutti i contratti di prodotti e servizi in libera concorrenza. Questi sono fatti reali, riportati nel verbale dell’assemblea, adottabili in tutte le aziende del pubblico e para-pubblico. Gli stessi dati e stime sono comunque stimati da autorevoli esperti indipendenti, non da commissari che provengono da una burocrazia e caste, che quindi tendono a non toccare i loro privilegi spesso assurdi ed esagerati (su ReteSI.org ne trovate tantissimi altri elencati dove la comparazione dei costi, che chiamerei sprechi, italiani rispetto a tanti altri paesi anglosassoni come gli USA o il Regno Unito, sono del 100 e fino al 200-300% più elevati in Italia … Ci sono moltissimi privilegi da tagliare, superpensioni, superstipendi, superbonus, superindennità…)

Lei pensa che basterebbe abbassare le tasse alle imprese e lavoratori per generare un ciclo economico favorevole a produrre velocemente quanto sopra elencato?

Il ciclo economico va generato attraverso una politica pro-attiva dello Stato; parliamo di cose elementari che molti media, troppo asserviti ai poteri e caste, non dicono: quando un’economia è depressa, si diminuiscono le tasse e si stampa moneta, immettendola nel ciclo economico; si devono lasciare i soldi, la liquidità, nelle tasche dei cittadini ed imprese e non prelevarli in maniera sconsiderata, quasi da rapina come sta avvenendo, portando cittadini ed imprese al fallimento ed alla disperazione o, peggio, costringendoli al mettere all’asta o a svendere il loro patrimonio, le aziende, ad una “bisca finanziaria” che ha architettato queste logiche. L’immissione nel mercato a favore di cittadini ed imprese di grandi liquidità di denaro, abbassando la tassazione sulle imprese e lavoro, è stata fatta con successo negli USA, nel Regno Unito, nel Giappone, rilanciando con successo le loro economie. Viceversa, in Italia e in Europa abbiamo perso la sovranità monetaria, che per Costituzione era della banca centrale nazionale (non della BCE di Francoforte germano diretta), con il risultato che ora siamo costretti ad andare a prestito della moneta, che non viene erogata nemmeno per finanziare le infrastrutture, il rilancio e modernizzazione del Paese, rimandando il pagamento dei debiti verso le imprese o bloccando la liquidità anche nei comuni virtuosi che potrebbero spendere senza problemi. Non si deve poi dimenticare che l’Italia sta pagando 100 miliardi di euro all’anno di interessi su un debito pubblico contratto a tassi molto penalizzanti, interessi salati che vengono prelevati dalle tasche dei cittadini attraverso le tasse per pagare i possessori dei titoli pubblici, in grandissima parte quelle banche italiane e internazionali che sono state al centro della crisi. Serve una ristrutturazione del debito pubblico con una moratoria e ri-calibrazione degli interessi: Per far questo, si deve rimettere i costi in ordine nell’apparato pubblico, che continua a sprecare allegramente ingenti risorse. Di sicuro, non si deve soggiacere ad una politica di deflazione, impostaci da paesi e banche che, approfittando di questa situazione che sta azzoppando il tessuto produttivo nazionale, per poi acquistarlo a forte sconto utilizzando quei lauti interessi che vengono prelevati dalle tasche dei cittadini ed imprese che continuano ad indebitarsi per sopravvivere.

Un ciclo vizioso e pericoloso…

Non solo: anche a rischio di costituzionalità, visto che quest’insieme di condizioni hanno portato e stanno conducendo l’Italia dritta verso la povertà e il degrado, minando la stessa democrazia e convivenza. Credo che la soluzione consista nel riappropriarci della sovranità monetaria o, in difetto, ridiscutere il ruolo della BCE che non può e deve essere, come è oggi, asservito alla “Bisca Finanziaria Mondiale”! O, peggio, a logiche di moneta forte che fa gioco alla Germania in danno ai competitor come l’Italia.

Faccia una sintesi delle proposte che, secondo ReteSi, un governo dovrebbe attuare subito…

Serve da subito una legge drastica e severa contro la corruzione, mafie e intrallazzi soprattutto nel settore pubblico e para-pubblico. Si può tagliare tranquillamente il 20% della spesa pubblica, riducendo sprechi, caste e parassitismi, adottando i costi standard in tutti i settori unitamente ad una politica dell’efficienza e del merito. Si deve sfoltire il numero degli enti statali o partecipati dal pubblico non indispensabili ad una corretta e concorrenziale gestione dei servizi (lo Stato deve fare il regolatore e controllore dell’economia, non fare e male l’imprenditore) taglio drastico delle tasse su chi opera e lavora (lavoratori ed imprese) con rivalutazione del ruolo del lavoro e delle imprese e contestuale cancellazione di privilegi parassitari anacronistici. A livello legislativo si deve porre mano ad una drastica semplificazione dell’assetto normativo, semplificandone il contenuto in modo da renderne intelligibile il contenuto senza ricorrere ad esegesi e ad interpretazioni (cosa che apre la porta a comportamenti non sempre corretti), introducendo la mediazione obbligatoria in difetto di accordo tra le parti. A livello giudiziario, servono sentenze emesse in tempi rapidi, esecutive in pochi mesi, perché una giustizia lenta è già per questo un’ingiustizia. Serve valorizzare una cultura del fare, del merito, una scuola che sia meritocratica: si devono valorizzare i talenti, chi intraprende, rischia e lavora, e non, come ora, chi prospera sul nulla, sul tirare a campare, sul chiacchiericcio. Se non si agisce in questo senso, si condannerà il Bel Paese a diventare un Povero Paese, condotto da partiti, sindacati, caste e corporazioni dedite solo alla conservazione dei propri privilegi, o peggio parassitismi, sprechi e ruberie. Stiamo diventando ogni giorno più poveri e miserabili, poiché abbiamo disinformato i cittadini portandoli ad accettare il malgoverno, le malversazioni, le ruberie e corruzioni come prassi normali. Stiamo sussidiando in modo indegno un’immigrazione selvaggia e mortale, foriera solo di problemi per la popolazione, lasciando nel contempo milioni di cittadini alla fame. E’ indispensabile riappropriarsi della sovranità monetaria: l’Italia è un Paese con una capacità produttiva ed industriale notevole che è stata demolita del 25% negli ultimi 6 anni grazie ad una scellerata politica monetaria che è utile solo alla politica tedesca, che per l’Italia è foriera di deindustrializzazione e di esclusione dalla competizione industriale globale, allo stesso tempo al depauperamento della proprietà delle aziende (negli ultimi anni oltre 500 realtà leader mondiali nel loro comparto sono state svendute all’estero).

La politica di oggi è in grado di attuare l’inversione nel senso auspicato da ReteSi?

Non vorrei entrare nel merito della politica contingente, ma credo che con questa classe dirigente sia molto carente di esperienze. Secondo me il problema più grande dell’Italia è la cultura verso l’intraprendere; bisogna scrollarsi di dosso questa cultura negativa verso l’impresa, che se giustificata contro quel 5-10% di imprese speculatrici e dedite all’intrallazzo, danneggia però la crescita e germinazione di quel 90-95% di imprese sane e genuine, fatte da giovani talentuosi ed individui intraprendenti, che spesso dedicano l’esistenza e moltissime ore al giorno alla crescita e sviluppo dell’impresa fondata spesso su idee innovative, che al contempo è anche crescita e sviluppo dell’occupazione, della nazione e del reddito dei propri cittadini. Chi ci governa, a qualsiasi livello operi, deve valorizzare l’impresa, così come accade in tutti i paesi che crescono e si sviluppano in modo democratico.

Comments are closed.