Si Salviamo l'Italia

Contribuisci anche tu con un commento:

1.582 thoughts on “Commenti

  1. FCA ha ritirato la sua offerta di fusine con Renault

    il motivo starebbe nella reticenza dello stato francese nell’approvare l’operazione

    Ieri nel CDA che doveva dare via libera i due consiglieri rappresentanti del Tesoro francese avrebbero insistito nel chiedere di posticipare il voto
    Tutti gli altri consiglieri avrebbero votato a favore tranne quello di Nissan (astenuto) e quello di un sindacato (voto contrario)

    vedremo gli sviluppi

  2. Chi ha fiducia nella giustizia italiana?

    A giudicare dal comportamento e dalle azioni di Palamara, non c’è certo da avere nessuna fiducia nella giustizia italiana. Una non/giustizia??? piuttosto…. forti dello stipendio pubblico …… per concorso pubblico …. , gestiscono nomine e stipendi pubblici. ……………………………

  3. Raramente passo in rassegna dati come quelli qui sotto (perché penso che ognuno se li possa guardare autonomamente), ma in questo giorni stiamo vivendo alcune situazioni peculiari e penso sia utile focalizzarle (in particolare nelle settimane che ci portano alla nomina del successore di Draghi

    Il decennale tedesco sta ritoccando oggi i minimi storici di rendimento -0,195% è vicino al livello toccato a luglio 2016 (-0,205%). Tutte le scadenze sotto i 10 anni sono (da tempo) per la Germania negative
    Questo è un segnale di sempre maggiore risk off. Si paga dazio per comprare i titoli considerati più sicuri in Europa
    Tenete presente che con inflazione attesa in Germania di 2% chi compra questi titoli ha rendimento reale negativo annuo di 2.2%!!

    Tutto ciò in un momento in cui praticamente tutta Europa (con la nostra autorevole eccezione) ha tassi negativi e si fa pagare per farsi prestare soldi

    Noi ovviamente siamo in controtendenza. Con alcune situazioni veramente avvilenti
    Oggi il BTP a 5 anni rende (per la prima volta nell’era moderna credo) più di quello greco!!! ci finanziamo a 5 anni a tassi più alti dei greci

    Se ci spostiamo sul 10 anni al di là del ben noto spread di 280 punti con il Bund paghiamo anche 180 punti in più del Portogallo

    Questo ci da l’idea del rischio in questo momento percepito su di noi. In un mondo con un’enorme liquidità alla ricerca spasmodica di rendimenti positivi noi dobbiamo pagare rendimenti di gran lunga più elevati di altri paesi che hanno economie enormemente meno sviluppate della nostra

    In tutto questo (non diciamolo a Trump, che è forse troppo impegnato con cinesi e messicani) l’Euro è sui minimi da due anni contro dollaro

    Per parlare di America il mercato ormai prezza come quasi certo un taglio dei tassi americani entro fine anno

    Lo si evince dalla curva americana (che è invertita in alcuni tratti) e in cui il tasso a 1 anno è sostanzialmente uguale a quello a 10 anni, entrambi intorno a 2.2%

    Il rendimento del 2 anni americano è passato da 3% a 2% in meno di 6mesi

    L’inversione della curva può essere vista come un segnale del fatto che i mercati si attendono un rallentamento dell’economia americana

    vedremo se avranno ragione

  4. Germania: quel surplus di bilancio che non piace a nessuno

    –di Marcello Minenna*
    alla lettura dei dati più recenti rilasciati dall’istituto di statistica tedesco, emerge come nel 2018 la Germania abbia centrato 2 risultati notevoli: un surplus di bilancio da parte del governo dell’1,7% del PIL (58 miliardi di €, il più alto degli ultimi 30 anni) ed un surplus delle partite correnti pari al 7,3%, di poco inferiore ai massimi del 2016. Questi surplus gemelli rendono la macchina industriale/finanziaria tedesca il più grande esportatore di merci e capitali al mondo, in un momento in cui anche l’export cinese sta subendo un rallentamento evidente per via delle tensioni commerciali con gli USA.
    LEGGI:
    https://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2019-05-26/germania-quel-surplus-bilancio-che-non-piace-nessuno-092830.shtml?uuid=ACdECwI&refresh_ce=1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *